Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto
Paesi e città

Paesi e città (5)

Navelli

Foto di Gaetano Basti

Salendo dalla vallata di Capestrano verso L’Aquila si incontrano gli ultimi ulivi secolari che guardano verso sud, dopo pochi minuti sulla nostra destra ci appare maestosa e gentile, piena di luce Navelli. Ubicata ai margini del Tratturo Magno ha ancora intatti i segni della sua antica ricchezza quando la lana delle pecore e il suo pregiatissimo zafferano attiravano mercanti e banchieri da tutta l’Europa.

Foto Archivio D'Abruzzo

Venendo da Avezzano attraverso la Valle del Liri in direzione di Sora, a sinistra, prima di arrivare alla Riserva di Zompo lo Schioppo in valle Roveto, si sale verso Civita d’Antino, arroccata su un grande terrazzo naturale che da oltre 900 m. di altitudine, guarda con spaventosi strapiombi sulla valle che porta lo sguardo lontano verso i monti Ernici e Simbruini.

La diocesi di Trivento

Foto di Gino Di Paolo

Arroccata su un’alta collina, Trivento svetta nel cielo a dominare, con un balzo di 400 metri, il medio corso del Trigno che, in quel tratto, segna i confini tra le Regioni sorelle; e sebbene più di 50 anni orsono Abruzzo e Molise ebbero a separarsi, l’unità delle terre che su quelle due rive si fronteggiano, continua immutata sotto le insegne di una sola Diocesi.
Foto di Jessica Stewart

Civitacampomarano è un borgo isolato in provincia di Campobasso posto al centro di uno splendido paesaggio, che ha dato i natali ad illustri intellettuali come Vincenzo Cuoco (Civitacampomarano 1770 - Napoli 1823) e Gabriele Pepe (Civitacampomarano 1779-1849).
Testo di Ilde Galante foto di Michele D'Alessandro

Un piccolo paese più vicino al cielo che al mare. Frattura e la sua gente hanno una storia tutta da raccontare. Una storia unica ma che, allo stesso tempo, rappresenta il paradigma di un destino comune a molte altre località dell’Appennino centro-meridionale.

In edicola

Iscriviti alla newsletter!